Il Sentiero dello Spirito del Bosco è perfetto per organizzare una giornata di trekking con i bambini nella natura: durante il tragitto sarete accompagnati da gnomi e folletti di legno, ci sono servizi di ristoro al punto di partenza e di arrivo, e potete fare merenda in agriturismo a metà tragitto.

Percorso per arrivare al sentiero

Dalla fonte del Gajium a Canzo (CO) segui le indicazioni per Prim’Alpe e inizia a percorrere la mulattiera su fondo ciottolato (dislivello 239 m) prendendo “via delle Alpi”.  Se volete fare rifornimenti di acqua o cibo prima della salita qui trovate un bar.

Occhio alle scarpe! Sono preferibili rigide perché alla lunga i sassoni danno fastidio ai piedi… soprattutto per chi indossa come noi lo zaino porta bimbi con più di 10 chili sulle spalle!

Mulattiera su fondo ciottolato Sentiero spirito del bosco

Passeggiando con lentezza, siamo arrivati al sentiero dello Spirito del Bosco in circa 40 minuti.

Alice, due anni e mezzo, ha camminato un po’ ma si è fatta soprattutto trasportare. La pendenza della salita è costante e non molto impegnativa. I piccoli camminatori, un po’ più grandicelli, potrebbero aver bisogno di essere motivati per arrivare alla meta.

Abbiamo condiviso questo percorso insieme a famiglie con figli di tutte le età. E’ stato bello vederli raccogliere castagne, legnetti, foglie cadute e soffermarsi sui tanti piccoli particolari di cui è colmo un bosco.

Albero nel bosco Sentiero spirito del bosco

A circa metà strada potrete fare una pausa all’agriturismo In Valentina, che in una giornata calda settembrina ci ha fatto trovare ottimi sorbetti e yogurt di capra.

www.facebook.com/AgriturismoInValentina/

agriturismo In Valentina

Quando vi sembrerà di non arrivare più all’atteso sentiero dello Spirito del Bosco, probabilmente vi troverete di fronte a un bivio, l’unico che incontrerete nel tragitto. Ecco, siete arrivati a Prim’alpe (725 mt), andate a sinistra.

 Cartello arrivo a Corni di Canzo

Avete davanti un luogo ricco di possibilità rilassanti e interessanti!

Troverete panche per fare pic nic, griglie e un’ampio spazio verde in cui giocare.

Potrete curiosare nel centro di educazione ambientale, nel centro visitatori della Riserva Sasso Malascarpa, nel museo degli alpeggi, nella CA’ di Alp e leggere volantini informativi sui progetti di valorizzazione e tutela del territorio di Lega Ambiente.

Sono anche disponibili snack, bibite, caffè e toilette.

 Il sentiero dello spirito del Bosco

Ci siamo, questo corridoio di trochi è la porta di accesso al sentiero dello spirito del bosco. Il percorso, tra le sculture in legno dell’artista Alessandro Cortinovis, si snoda tra tratti pianeggianti, torrenti, tunnel, un labirinto, discese e salite non impegnative. Alcuni tratti, se avete bambini piccoli, richiedono un po’ di attenzione.

La passeggiata è comunque molto semplice e suggestiva: la natura e la fantasia creativa dell’uomo si fondono ricordandoci quanto siamo similmente unici e complessi.

cartello per di sù per di giù Sentiero spirito del bosco

Il percorso completo dura circa un’oretta e termina al rifugio/agriturismo terz’alpe (793 mt), in cui potrete pernottare, rifocillarvi o semplicemente rilassarvi. www.facebook.com/RifugioTerzAlpeAgriturismoLaFattoria

Educazione ambientale

Diversi pannelli informativi accompagnano gli esploratori alla scoperta dei corni di Canzo e i suoi boschi.

Lo sapevi che…?

La biodiversità è un elemento fondamentale per la nostra vita, purtroppo è a rischio a livello globale. Il normale tasso di estinzione dovrebbe essere di 1-30 specie all’anno, mentre attualmente siamo intorno a 25.000.

Come si arresta la perdita della biodiversità?

Attraverso l’educazione, la sensibilizzazione, la conoscenza, potenziando la ricerca, tutelando gli habitat, utilizzando con responsabilità le risorse naturali.

Lega ambiente presso la struttura eco-sostenibile di Prim’Alpe, organizza visite guidate, attività di educazione ambientale, trekking, laboratori per scuole e gruppi con bambini dai 3 anni.

Tra le varie e interessanti proposte ho trovato:

  • attività per riconoscere e utilizzare erbe, piante e frutti;
  • costruzione di piccoli oggetti in legno;
  • osservazione delle api nell’arnia;
  • stimolazione dei sensi soffermandosi sui profumi e rumori del bosco;
  • riconoscere gli animali e il loro habitat;
  • caccia al tesoro imparando a interpretare la cartografia e il più affascinante, per me, il laboratorio fiume.

In questo laboratorio i bambini prelevano il sedimento del fiume e con una lente collegata al pc cercano gli animali presenti provando a determinarne le singole specie.

E’ possibile fare anche esperienze di volontariato imparando a gestire la struttura, a fare manutenzione del bosco e dell’orto.

Proporre ai propri figli attività di questo tipo, compresa l’esperienza di volontariato, è una grande opportunità per farli vivere la natura in modo più consapevole, imparare nel concreto attività fondamentali per l’uomo e l’ambiente e, non meno importante, conoscere amici nuovi!

Per info e prenotazioni

https://primalpe.wordpress.com/

primalpe@legambientelombardia.it  tel. 02 87386480

Info pratiche

passaggio su ponte Sentiero spirito del bosco

Dove

Via per le Alpi, 2, 22035 Canzo CO

Parcheggio

Segui le indicazioni per la fonte del Gajum,  troverai un piccolo parcheggio e un albergo con bar. Se i posti auto sono esauriti il sito del comune segnala l’area di Piazzale Giovanni XXIII nei pressi del cimitero/area mercato (Via Rimembranze), ma tieni presente che la distanza si allunga di un paio di km ed è in salita.

Ti è piaciuto questo articolo?

Se vuoi conoscere un altro bosco con sculture magiche leggi l’articolo sul parco degli Aironi