Per i ciclisti milanesi questo itinerario di 21 km è un grande classico delle gite in giornata fuori porta.

E’ un percorso tutto su ciclabile lungo il naviglio Grande e per questo è adatto anche ai bambini. Al 90% scorre su asfalto, lontano dalle auto con solo alcuni brevi tratti promiscui nei centri abitati in prossimità di Milano.

Le acque del Naviglio Grande derivano dal Ticino, vengono incanalate nel naviglio e fatte arrivare fino alla Darsena di Milano grazie ad un lavoro incredibile di ingegneria idraulica.

Il dislivello del terreno è stato spianato in maniera costante permettendo fin dal medioevo la navigazione a 5,5 km/h  per il trasporto di merci in città.

Oggi sulle sue sponde corre parallela la Ciclovia del Naviglio Grande, ben segnalata con pannelli a fondo marrone.

Partiamo!

Il punto di partenza di questa ciclabile è la Darsena di Milano.

Si pedala in direzione opposta alla corrente dell’acqua mantenendo sulla sinistra il naviglio.

Uscendo dalla zona pedonale dei navigli si salutano sulla destra le tre Canottieri e la chiesetta di San Cristoforo, chiamata il faro di Milano dai barcaioli del naviglio.

Il primo tratto di periferia milanese non è molto suggestivo, tuttavia chilometro dopo chilometro il paesaggio migliora lasciandosi alle spalle il cemento della metropoli.

Si arriva a Corsico con i suoi parchi, dove suggerisco una pausa gioco per i bambini che potranno sgranchirsi le gambe sugli scivoli e sulle altalene.

Si prosegue fino a Trezzano sul Naviglio, dove una sosta alla casetta dell’acqua è d’obbligo per riempire le borracce.

Si prosegue lungo l’alzaia su cui si affacciano orti urbani curati dagli anziani e ci si addentra nella campagna milanese, fino ad arrivare al pittoresco borgo di Gaggiano, che dista da Milano 19 km, con le sue casette dipinte in colori pastello.

In paese potrete fare il pieno di energie: una trattoria, il panettiere e il gelataio sono stati testati in prima persona e sono sicura che i bambini potranno trovare qualcosa adatto ai loro gusti.

Attraversato il ponte si riprende a pedalare tenendo l’acqua sulla destra e, finalmente, ci si addentra nella campagna tra campi e cascine che si affacciano sul Naviglio.

Sbirciando nei portoni si possono scorgere le aie con tanti animali: galline e mucche che sporgono il loro muso fuori dalle finestrelle delle loro stalle.

Si continua per qualche chilometro e si raggiunge Abbiategrasso: il centro storico e il castellotto che si affaccia sulla piazza principale stupisce per la sua bellezza!

Ritorno a casa

Fino ad Abbiategrasso corre parallela la ferrovia quindi è sempre possibile prendere il treno nella stazione più vicina, pagando il supplemento di 3 euro per il trasporto bici, e rientrare facilmente alla stazione di Porta Genova.

Da Abbiategrasso potete prendere il treno fino a Porta Gevona e da qui la metropolitana per altre destinazioni

Clicca qui per approfondire la storia  e le informazione del naviglio grande

MAPPA E TRACCIA GPX  https://www.piste-ciclabili.com/itinerari/26-milano-gaggiano-abbiategrasso

di Alberica Di Carpegna